Prodotti

Vaso in vetro opalescente manifattura Loets


Vaso opalescente Manifattura Loets, base a lavorazione iridescente h cm 33 Loetz è stata la più importante fabbrica di vetro d’arte della Boemia nel periodo a cavallo tra XIX e XX secolo. Il suo laboratorio si trovava a Klostermühle, vicino Rejštejn nel quartiere Sušice nel sud-ovest della Boemia, che appartenne alla monarchia austro-ungarica fino al 1918. Parigi primi 900 Il successo della raffinata eleganza e originalità dei Phanomen, che furono disegnati prevalentemente da Franz Hofstotter, e che valsero alla Loetz il Grand Prix di Parigi all’Esposizione Mondiale del 1900 non deve far dimenticare l’altra faccia della produzione e dell’innovazione della vetreria, forse meno spettacolare, ma sicuramente di altrettanto elevata qualità e gusto. Complice di questo fermento fu sicuramente la collaborazione avviata dopo Parigi 1900 con la Bakalowitze, una fabbrica viennese estremamente sensibile ai venti della Secessione. La cooperazione portò alla Loetz importanti decoratori come Leopold Bauer, Koloman Moser, Robert Holubetz, Jutta Sika e Antonietta Krasnik, che contribuirono alla vivace attività di produzione che, rispetto al passato, si contraddistinse per una maggiore dinamicità di forme e un’enorme varietà di nuove tecniche di rifinitura (Silberiris, Streifen und Flecken, Luna, Vulcana, Zebra, Astra, Rusticana, Diaspora, Neptun, Oceanik, Spiraloptische), e, naturalmente, anche ulteriori nuove varianti del Phanomen, come il decoro a righe con applicazione di gocce di vetro . Una menzione d’onore va ai modelli con disegni floreali eseguiti con una combinazione di pittura e incisione e l’applicazione dei sottili fili tipici delle tecniche tradizionali (Chine – Pampas) che si completò poi con le tecniche Formosa e Eolo . La predilezione per le forme plasticamente molto forti è poi evidente nelle serie dei Vasi a Conchiglia e dei Treetrunk già dal 1902. Caratterizzati da applicazioni più elaborate, in linea con la ricerca decorativistica che caratterizzò sempre la manifattura Loetz, sono poi i vasi di morbida iridescenza Orfeo del 1903, i pezzi Texas (dal latino “texere” = tessere), nelle varianti Boule-Boule, Impero e Gloria, e i vetri Nautilo.

Altri prodotti che potrebbero interessarti

Libreria inglese del XIX secolo

in legno di mogano, un cassetto centrale e due ante con un ripiano interno. L'alzata in vetro con due ante e più ripianih cm 260

Maggiori dettagli →

Vaso in porcellana manifattura Dresda

Vaso in porcellana con raffigurazioni di scene galanti e fiori dipinte a mano e rifiniture in oro zecchino, Manifattura Dresda 1886, h cm 34

Maggiori dettagli →

Carlo Basilico ( Rancate 1895 - 1966)

Carlo Basilico , olio su tavoletta" Mamma alla finestra"firmata cm 43 x 37 Nato a Rancate nel 1895 , l'artista nel 1935 decorò il plafone del Cinema Teatro di Chiaso e realizzò il murales sulla pare [...]

Maggiori dettagli →

Consolle Luigi XV in legno dorato

in legno intagliato e doratoFrancia XVIII secolo

Maggiori dettagli →